This website requires JavaScript.

Guida alla certificazione della parità di genere in Italia | Scarica il nostro e-book gratuito

Guide

La tua guida alla certificazione della parità di genere in Italia

La certificazione della parità di genere in Italia è stata introdotta nel 2022 al fine di contribuire a migliorare gli indicatori della parità di genere. Per aiutare i datori di lavoro a comprendere i benefici e i requisiti della certificazione, abbiamo scritto un breve e-book disponibile gratuitamente per il download.

Certificazione della Parità di Genere in Italia

Nel gennaio 2022, l'Italia ha creato un nuovo programma di certificazione della parità di genere. Questa certificazione è stata progettata per incoraggiare i datori di lavoro a integrare pienamente la parità di genere nel modo in cui conducono le proprie attività. Offre benefici diretti, tra cui esenzioni fiscali, ed è anche una modalità attraverso la quale le aziende possono ottenere un riconoscimento pubblico per aver instaurato un ambiente di lavoro più equo e inclusivo.

Non sorprende, quindi, che molte aziende che operano in Italia siano molto interessate alla certificazione. Per aiutare i datori di lavoro a saperne di più e a decidere se desiderano presentare domanda, PayAnalytics ha creato un breve e-book sulla certificazione della parità di genere in Italia. Questo e-book è disponibile gratuitamente per chiunque si iscriva alla nostra mailing list. Clicca qui per scaricare la tua copia.

Modifiche al Codice delle Pari Opportunità in Italia

La certificazione della parità di genere è stata istituita come parte di modifiche più ampie al Codice delle Pari Opportunità in Italia. Gli architetti di tali modifiche sono stati spinti dalla motivazione di migliorare gli indicatori della parità di genere in Italia. Nel 2020, l'Indice di Parità di Genere dell'UE ha mostrato che l'Italia si trovava 4,4 punti al di sotto della media, classificandosi al 14º posto tra tutti i paesi dell'UE. In effetti, il Comitato europeo dei diritti sociali (CEDS) ha messo in guardia l'Italia, affermando che avrebbe dovuto fare di più per garantire una retribuzione e opportunità uguali per tutti i dipendenti.

Il Codice delle Pari Opportunità è stato emendato con le modifiche che sono entrate in vigore nel 2022. Mentre in precedenza richiedeva alle organizzazioni con 100 o più dipendenti di segnalare i dati relativi al genere e alla retribuzione ogni due anni, ora richiede tali informazioni anche alle organizzazioni con oltre 50 dipendenti. Ai sensi del codice modificato, i datori di lavoro devono anche fornire informazioni su ciò che stanno facendo per ridurre il divario retributivo di genere.

Benefici della certificazione della parità di genere

Nell'ambito delle modifiche al Codice delle Pari Opportunità in Italia, la certificazione della parità di genere è stata creata per incentivare le aziende a dare priorità alla parità di genere, con l'obiettivo ultimo di garantire pari opportunità nel mercato del lavoro in Italia. Le aziende private che ottengono la certificazione beneficeranno di due tipi di incentivi.

Innanzitutto, vi è l'esenzione fiscale. Questa esenzione corrisponde all'1% dell'importo regolarmente valutato dei contributi previdenziali (con un limite massimo di 50.000 euro all'anno). In secondo luogo, alle aziende certificate sarà assegnato un "punteggio premiale". Questo punteggio premio darà loro un vantaggio quando partecipano a gare d'appalto pubbliche o presentano domanda per finanziamenti a livello regionale, nazionale o dell'Unione Europea.

Requisiti per la certificazione della parità di genere in Italia

Le organizzazioni di qualsiasi dimensione e di qualsiasi tipo, private o pubbliche, possono richiedere la certificazione. Le aziende vengono valutate in base alle loro prestazioni in sei aree di valutazione. Queste aree di valutazione riguardano cultura e strategia, governance, processi di gestione delle risorse umane, opportunità di crescita e inclusione delle donne all'interno dell'azienda, equità retributiva di genere e tutela della genitorialità e del bilanciamento tra lavoro e vita privata. A loro volta, ogni area di valutazione comprende tra tre e sette indicatori chiave di prestazione, o KPI.

Le organizzazioni ricevono un punteggio per ciascun KPI e vengono assegnati punti fino al massimo totale. Il sistema è ponderato, quindi alcuni KPI hanno un peso maggiore rispetto ad altri. Allo stesso modo, alcune aree di valutazione hanno un maggiore impatto rispetto ad altre. Ad esempio, i processi di gestione delle risorse umane contano per il 10% del punteggio totale, mentre l'equità retributiva di genere conta per il 20%. Questo sistema è semplificato in parte per le organizzazioni con meno di 50 dipendenti. Il nostro e-book approfondisce ulteriormente le aree di valutazione e i KPI.

In un contesto lavorativo globale in cui i dipendenti desiderano sempre più lavorare per aziende che valorizzano la diversità, l'equità e l'inclusione, i programmi di certificazione forniscono un riconoscimento pubblico degli sforzi di un'azienda. Le aziende che si sono già impegnate nel percorso verso l'equità retributiva potrebbero trovare valore in questo riconoscimento. E per coloro che stanno appena iniziando, perseguire la certificazione potrebbe aiutare a stabilire obiettivi chiari e significativi.

Per saperne di più sui benefici e sui requisiti della certificazione sulla parità di genere in Italia, non dimenticare di consultare il nostro e-book. La nostra soluzione software ti aiuta a soddisfare i requisiti di certificazione e a iniziare a prepararti per la Direttiva dell'Unione Europea sulla Trasparenza Retributiva.

Contattaci per iniziare il tuo percorso verso l'equità retributiva.

Le informazioni contenute in questa pagina non intendono fornire né forniscono consulenza legale. Tutti i contenuti, le informazioni e i materiali presenti in questo articolo sono solo per uso informativo generale. Si avvisano i lettori che queste informazioni, legali o di altra natura, potrebbero non essere aggiornate.


Iscriviti alla nostra newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

La nostra newsletter tratta argomenti come equità retributiva, retribuzione e benefits, DEI (diversità, equità e inclusione) e modifiche legislative, nonché notizie sulla nostra azienda e aggiornamenti software.

Set Your 2024 Pay Equity Goals Now with These Instructional Coffee Talks

This year in Coffee Talks, we worked through the reasons – and we hope our many avid listeners did, too – that a goal-oriented pay philosophy is the fundamental groundwork for pursuing and sustaining fair pay. In this blog, we’ll cover a few “memorable moments” that give expert insights (straight from the pros) into practicing pay equity for the long term.

Visualizza tutti gli articoli